Cosa fare a Barbados 8 giorni

Barbados può essere vissuta sorseggiando un Cocktail in riva al mare oppure girando da nord a sud alla scoperta di una terra selvaggia e magica. Noi questa volta abbiamo deciso di affittare un’auto in aeroporto e la nostra vacanza si è trasformata… Abbiamo deciso di visitare ogni giorno una spiaggia diversa e mai scelta è stata più giusta. quindi andiamo a vedere insieme cosa fare a Barbados 8 giorni.

#1 giorno Oistin,

Miami Beach

Iniziare la vacanza in questa meravigliosa spiaggia è un’ottima idea. I bambini giocano indisturbati nella baia mentre tu se vuoi un po’ di azione puoi spostarti davanti al palmeto dove il mare non è protetto dagli scogli. Inoltre sotto il palmeto ci sono tavolini da picnic ed attrezzi per attività fisica nel caso volessi mantenerti in forma ma la cosa più importante di questa spiaggia, che ti invito a tenere a mente, è che qui troverai Mr Delicius, un’istituzione a Barbados, dove potrai mangiare i più buoni Fish Cake dell’isola e bere un freschissimo e buonissimo Coconut Punch. Apre alle 10 ed offre la connessione wifi gratuita.

Questa spiaggia è molto frequentata dagli abitanti di Oistin.

Il mercato del pesce di Oistin

Il venerdì sera è tutto dedicato ad Oistin ed il suo mercato del pesce. Locali e pesce alla brace a ritmo di musica caraibica. Luci, colori, risate e tanti sorrisi. È un posto estremamente tranquillo e i bambini si divertiranno tantissimo. Non mancheranno abitanti del posto che girano con una scimmietta sulla spalla… attenzione perché una volta fatta una foto dovrete pagare 10$ 😉

Ps Dalle 8 alle 15 qui potrai acquistare il pesce fresco a prezzi veramente ridicoli. Ricordati di chiedere gli scarti del pesce e di andare sul molo alle spalle del mercato… Razze e Tartarughe marine aspettano di mangiare.

#2 giorno

Bottom Bay

Dicono sia una delle spiagge più suggestive… hanno ragione! Barbados solitamente ha un mare color smeraldo ma qui troverai colori di un blu brillante. Prima di scendere in spiaggia, fai una passeggiata sulla scogliera superiore (a destra delle scale per la spiaggia). Lì c’è una vista magnifica ma fai attenzione alle raffiche di vento.

Questa spiaggia è molto selvaggia e non ha chioschi quindi ricordati di portare tutto il necessario con te, dal cibo alle bibite.

Long Bay

Visto che siamo in vena di scogliere non può mancare una passeggiata tra le ville di Long Bay fino ad arrivare al mare. La vista da questa scogliera è mozzafiato e, nascosta agli occhi dei passanti c’è una piccola spiaggia da sogno, la famosissima Shark Hole. Qui l’acqua è sempre calma anche se il mare è agitato.

#3 giorno

Needhams Point e Hilton Barbados

Questa spiaggia prende il nome da un’importante area storica diventata ormai patrimonio dell’isola.  In questa zona ci sono tre spiagge: Pebble Beach, Drill Hall Beach e Neeshams Point Beach (la più bella per via della spiaggia bianca ed il mare turchese).

Qui trovi anche il meraviglioso Hilton che merita assolutamente una visita. Non dovrei dirlo ma dalla spiaggia puoi tranquillamente accedere all’hotel e goderti un pomeriggio nelle bellissime piscine dell’albergo usufruendo dei servizi bar e ristorante.

#4 giorno

Silver Sends

Proprio sotto l’aeroporto c’è una zona bellissima. Ville meravigliose che affacciano sul mare in stile inglese e spiagge incontaminate. Questa zona è anche il paradiso dei surfisti non professionisti (per gli “advanced” come li chiamano loro, c’è Bathsheba). Questa parte è frequentata da molti giovani e si alternano ville fantastiche a case locali molto modeste. All’ingresso della spiaggia c’è un bellissimo parco e un bar/ristorante. Qui passerai una giornata molto piacevole.

 

#5 giorno

Speightstown

Questa città è conosciuta come la “piccola Bristol”, è colorata e piena di attività commerciali. Merita qualche ora di passeggiata prima di andare al Nikki oppure, come abbiamo fatto noi, dopo. Le spiagge sono meravigliose ma ci sono poche zone attrezzate con lettini ed ombrelloni. Sul corso principale trovi un piccolo banco che vende prodotti Vegan ed estratti di frutta. Assolutamente consigliato.

Nikki Beach

Il Beach Club più fashion di Barbados. È frequentato da “bella gente” e soprattutto è un posto elegante e molto “In”. È consentito l’accesso ai bambini ma non possono usare la piscina. Solo mare quindi per le famiglie come la nostra ma ne vale comunque la pena. Ottimo il ristorante con cucina locale ed internazionale. Il nostro consiglio però è quello di prenotare perché è molto frequentato.

Ciò che ci ha più sorpreso è l’attenzione nei dettagli. Ogni cosa è stata scelta per creare un’atmosfera unica ed elegante. Il personale è molto gentile e disponibile ed attento ad ogni esigenza. Bellissima la posizione del DJ sul bar della piscina che accompagna la giornata con bellissima musica.

#6 giorno

Animal Flower Cave

Siamo nella zona più a nord dell’isola dove non trovi spiagge caraibiche ma scogliere maestose. Sembra più l’Irlanda del nord che Barbados effettivamente 😉

Per accedere alle grotte devi scendere una scalinata angusta ma ciò che ti spetta dopo è magnifico. Grotte scavate dal mare che disegnano nella roccia cuori e cerchi. Sarai accompagnato da una guida che ti starà accanto per tutto il tempo.

In biglietteria ti chiederanno se vuoi fare o meno il bagno… fallo! Sarai portata i una grotta con acqua relativamente alta e la sensazione è meravigliosa. Peccato che quando siamo andati noi pioveva e l’acqua era molto mossa quindi non ci hanno fatto avvicinare al precipizio.

Fuori dalle grotte c’è un bar e ristorante con vista mozzafiato (così come i prezzi ovviamente) e facendo cento metri a piedi arrivi sul belvedere. Scogliere a perdita d’occhio. Se ti siedi a prendere qualcosa da bere i tuoi bimbi potrano stare nell’area giochi o rincorrere caprette e pecorelle (senza lana e con la coda lunga).

Raggiungerlo con i mezzi pubblici non è il massimo… noi in auto ci abbiamo messo circa un’ora.

Bathsheba

Qui ci ho lasciato il cuore!

Paradiso dei surfisti professionisti, questa zona è, a mio parere, la più bella dell’isola. Vegetazione fitta, paesaggi selvaggi e natura incontaminata. In alcuni punti sembra di camminare nella foresta amazonica.

Bathsheba meriterebbe un’intera giornata ma se non sei una grande amante dell’oceano allora anche un pomeriggio andrà bene.

A costeggiare la spiaggia c’è un bellissimo palmeto con pratino inglese e tavolini da picnic. Peccato solo che le persone che frequentano il posto lasciano molta immondizia in giro.

#7 giorno

Holetown

Eccoci nella zona più esclusiva e lussuosa dell’isola. Qui trovi negozi di griffe famose e ristoranti stellati. Abitata principalmente da bianchi (inglesi o nativi di Barbados), questa zona rappresenta l’immagine che il mondo ha di Barbados: spiaggia, palme, cocco e sole. Ci sono le spiagge più belle e tutto sembra un sogno. Le spiagge sono attrezzate e le ville affacciano su spiagge private.

#8 giorno

Gita in catamarano

Dopo una settimana alla scoperta delle spiagge più belle (qui trovi quelle più adatte ai bambini), abbiamo deciso di affidarci alla Tiami Catamaran Cruises per una gita in catamarano. Partenza dal porto di Bridgetown alle 9 per costeggiare l’isola fino a Speightstown. Il catamarano era molto grande, con open bar e zona relax per prendere il sole. L’equipaggio gentile e disponibile e la mattinata è passata all’insegna del divertimento.

Il momento più bello? Sicuramente il bagno con le tartarughe a largo di Gibbes Beach. Flavio è riuscito a toccarne una e non ha fatto altro che parlare di questo per i successivi 7 giorni.

Peccato solo aver scoperto la Tiami l’ultimo giorno di vacanza perché organizzano dei tour favolosi. Per tutta la mattinata ci hanno servito cocktails e bibite analcoliche, A pranzo abbiamo mangiato a buffet prodotti locali.

Assolutamente consigliata!!!

 

Ecco finita la nostra meravigliosa vacanza a Barbados… nel caso tu abbia bisogno di informazioni sull’isola puoi contattarci.

Ora non ti resta che prenotare il volo 😉

 

 

 

 

 

 

The Crane Resort Barbados

Questo meraviglioso hotel, The Crane Resort Barbados, prende il nome dalla spiaggia su cui affaccia e si trova a pochi km dall’aeroporto. Posizione assolutamente strategica per raggiungere tutte le zone in pochissimo tempo.

Il Crane accetta i bambini sotto i 14 anni a differenza di molte strutture 5 stelle presenti sull’isola ma  dedica una piscina ed una zona al solo utilizzo degli adulti. Quella di non accettare i minori è una scelta molto in voga tra gli hotel di lusso di Barbados, scelta condivisa anche da molti ristoranti.

CAMERE

Le camere… cosa dire delle meravigliose Suites di questo Hotel?

Camere molto ampie con la possibilità di scegliere se avere la seconda camera o il divano letto. Comunque due bagni di cui uno con doccia e il secondo, quello patronale, con doccia emozionale e Jacuzzi. Ogni camera ha un angolo cottura fornito di ogni elettrodomestico e la zona wc divisa dalla camera da bagno. Il terrazzo affaccia sul parco con vista sulle piscine e sul mare e… nel caso non ti andasse di fare il bagno con altri ospiti… hai la piscina privata che affaccia sul mare. Unico punto interrogativ di queste camere è il letto… altissimo… sarebbe molto utile una scaletta per salire sul materasso. Chissà perché…

SPIAGGIA

Con un ascensore panoramico puoi raggiungere la spiaggia, la famosissima Crane Beach. A tua disposizione ombrelloni e lettini per goderti il sole con il rumore delle onde che si infrangono contro  la scogliera. Peccato che sia molto difficile vedere il mare calmo da questo lato dell’isola… Alle spalle della spiaggia c’è un meraviglioso palmeto dove passare qualche minuto all’ombra o sorseggiare un latte di cocco fresco nel chiusco. I teli non serve portarli, te li fornisce l’hotel. Riceverai una tessera e potrai ritirarli in piscina .

PISCINE

Ce ne sono quattro più una piccola vasca/fontana all’interno del tempio accanto al ristorante.

Le piscine sono tutte panoramiche con fontane e cascate, una si trova proprio davanti il ristorante quindi è prassi aspettare il pranzo in piscina sorseggiando una bibita fresca. La quarta piscina è riservata agli adulti e si trova accanto alla terrazza del famosissimo ristorante AZUL . In quest’ala della struttura si respira lusso ad ogni angolo. Accanto alla piscina c’è l’accesso alla spa (non te lo fai un massaggio dopo una giornata così stressante? )

 

MINI CLUB

C’è un’area dedicata ai bambini ma Flavio non ci ha mai voluto mettere piede e non perché non fosse bella o organizzata ma perché in questo hotel i bambini si divertono in piscina, tra le cascate e le fontane.

Comunque quando siamo andati stavano preparando degli addobbi fantastici per un party 😉

SHOPPING

Molti negozi tra cui souvenirs e gemme preziose come i pregiati smeraldi colombiani… devi solo tirar fuori la carta di credito 😉

Perché abbiamo scelto il The Crane? Perché quando siamo in vacanza vogliamo essere liberi di scegliere cosa fare senza doverci privare della comodità. Se un giorno non hai voglia di prendere l’auto o semplicemente se è brutto tempo, al Crane Resort hai tutto .

Scopri tutti i nostri articoli su Barbados qui

 

Barbados: gli scorci più suggestivi

Tutti conosciamo le spiagge paradisiache di Barbados ma questa meravigliosa isola non è solo sabbia rosa e palme… Nel nostro tour abbiamo avuto modo di conoscerla da nord a sud e da est ad ovest.

Senza ombra di dubbio la costa che si affaccia sull’Oceano è la più suggestiva se cerchi scogliere mozzafiato e onde altissime. È conosciuta soprattutto da chi pratica surf ma ti assicuro che è esistono luoghi incantati anche per una famiglia che non ama alzarsi sulla tavola.

Ecco alcune località che nn devi assolutamente perdere:

Long Bay (Shark Hole)

Questa scogliera è qualcosa di fantastico… nascosa nell’insenatura c’è una piccola spiaggia segreta dove, a dispetto delle onde altissime ed il mare impraticabile, puoi goderti un’acqua limpida e calma. Insomma un vero paradiso… la zona è molto frequentata dalla gente del posto quindi troverai facilmente pescatori sulla scogliera e famiglie nella spiaggetta.

Bottom Bay

Ecco un altro luogo che ti lascerà senza fiato. Qui il mare è blu, di un blu quasi accecante. Un colore come questo l’ho visto solo una volta in vita mia… a Cancun.

Prima di scendere in spiaggia però, ti consiglio di fare una passeggiata nel campo davanti al parcheggio… c’è una vista meravigliosa e potrai fare delle foto bellissime.

Qui non c’è la possibilità di acquistare cibo né bevande quindi porta tutto.

Bathsheba

Eccoci nel luogo dove ho lasciato il cuore… questa località mi ha lasciato spiazzata da tanta bellezza. Qui la natura è ancora incontaminata e la vegetazione molto ricca. A Bathsheba ti senti veramente ai Caraibi. Difficile da raggiungere con i mezzi pubblici, ti consiglio di affittare un’auto.

Crane Beach

Questa spiaggia non è bella come le altre ma il palmeto alle spalle e la scogliera con sopra l’hotel che la padroneggia è sicuramente un bel vedere. Anche qui malgrado il mare molto mosso, i colori sono sensazionali. A differenza di Bottom Bay c’è un bar dove godersi un aperitivo o rinfrescarsi (lo trovi nel palmeto).

 

Sono certa che a Nord ci sono tantissime spiagge incontaminate e bellissime ma, se dai un’occhiata alla cartina di Barbados, ti accorgerai che il nord è poco battuto e con poche strade. È sicuramente un buon motivo per tornare tra qualche anno 😉

 

Qui trovi un articolo su Barbados e qui le spiagge più adatte ai bambini

Panama City e le isole San Blas



Panama ha rappresentato per noi un viaggio di contraddizioni: Da una parte Panama City con con suoi grattacieli e la sua multi-etnicità, la più importante piazza finanziaria del mondo e dall’altra la natura incontaminata e selvaggia di regioni sconosciute al turismo di massa. Perché abbiamo scelto Panama? Tutto è nato nel nostro ultimo viaggio in Colombia quando abbiamo fatto scalo a Panama City per una giornata. Avevamo 8 ore per farci un’idea della città e, per nostra fortuna, abbiamo preso il taxi giusto. Miguel ci ha raccontato un Paese magico e non potevano che tornare in Italia, preparare il viaggio e tornare in questa terra conosciuta solo come paradiso fiscale.  Con il senno di poi non so dire con certezza se tornerei in quella terra. Non credo di averla capita fino in fondo ma è stata comunque un’avventura.

Il primo vero scoglio c’è stato con la lingua, parlano un misto di idiomi Indios e latino americani. Spesso ci siamo trovati in difficoltà, soprattutto fuori dai circuiti turistici. Se come noi, anche tu viaggi con un bambino, ti consiglio di evitare il fai da te e soprattutto organizza i tour in Italia. Sul posto sicuramente spendi meno ma rischi di ritrovarti nelle mani di gente improvvisata e non adatta a gestire famiglie. Non siamo soliti dare consigli come questo ma in questo caso credo sia opportuno.

Panama City

È una città caotica, piena di cantieri, grattacieli e banche (ovviamente) ovunque ma tranquilla e pulita. Per il nostro soggiorno in città abbiamo scelto La Concordia Boutique Hotel che vanta una posizione invidiabile. La suite familiare ti lascerà senza fiato, ne sono certa…

Il primo giorno non potevamo iniziare meglio… siamo passati dai grattacieli di Panama City alle rovine di Panama Viejo,  la vecchia capitale, oggi patrimonio UNESCO, rappresenta il primo insediamento europeo sulle coste Pacifiche.

Abbiamo passeggiato per il centro storico, Casco Viajo, tra i suoi palazzi coloniali e il suo traffico snervante. Un gioiello tra passato e presente ma siamo stati troppo impegnati a non farci investire. Peccato.

Ponte delle Americhe

Il secondo giorno lo abbiamo dedicato all’avventura. Flavio era eccitatissimo all’idea di vedere uccelli esotici, scimmie, coccodrilli ed iguana. Io un pò meno 😉 ma cosa non si fa per un figlio?

Abbiamo attraversato il lago Gatun (lago artificiale) a bordo di un motoscafo veloce per poi immergerci in un paradiso tropicale e pranzare su una casa galleggiante. Il posto era molto spartano ma è stato bello vivere delle ore così diverse dalla nostra quotidianità. Tutto all’ombra del Grande Ponte ovviamente.

Isole San Blas

Il terzo giorno è iniziato iniziato il nostro viaggio verso la costa caraibica e la scoperta dell’arcipelago. In questa zona non ci sono molte strutture alberghiere quindi i successivi 3 giorni li abbiamo passati in barca. Si avete capito bene… tre giorni e tre notti dentro un bellissimo catamarano. L’alternativa era vivere la natura selvaggia (anche delle strutture) 😉

Era la prima volta che Flavio saliva su un catamarano e le prime ore non sono andate benissimo. Con il passare del tempo però tutto è stato fantastico. Il segreto è coinvolgere i bambini in attività che impegnino il loro tempo e soprattutto non farli scendere in cabina se il mezzo è in movimento.

Altri consigli sulla barca a vela li trovi qui.

In queste isole abbiamo incontrato i Kuna (popolazione locale) ed abbiamo mangiato pesce fresco ad ogni ora del giorno e della notte. Non c’è “movida”, sono isole selvagge quindi prima di partire assicurati di essere certo di cercare questo genere di vacanza. Queste isole regalano scenari mozzafiato, sabbia bianchissima ed acqua turchese, il tutto in una cornice di palme che arrivano a toccare l’acqua. 378 isole coralline. Solamente 49 sono abitate e poche sono attrezzate per i turisti.

Le isole più belle sono senza dubbio Kuanidup, Isla Coco Blanco, Narasgandup, Isla Perro Grande e Isla Perro Chico.

Clima

Se vuoi visitare queste meravigliose isole ti consiglio il periodo che va da Dicembre a Febbraio. Cielo azzurro, poco vento e colori del mare brillanti.

 

Questo viaggio ci è rimasto nel cuore… abbiamo abbandonato il lusso e la comodità per immergerci in un’atmosfera unica e magica. Ma questo è ciò che succede ai Caraibi 😉 Scopri anche Barbados e le sue spiagge da sogno .

 

Spiagge a Barbados: perfette per bambini e famiglie

Amo le spiagge a Barbados, come ho raccontato nel resoconto delle mie vacanze in questo articolo 

https://viaggisogniepassione.com/2018/02/07/barbados-un-bambino/ 

Le amo perché sono Spiagge paradisiache tra le più belle del mondo caratterizzano i paesaggi di questa meraviglia dei Caraibi orientali.

Eppure non tutte le spiagge di Barbados sono adatte a una famiglia con bambini piccoli. Ecco perché nella mia guida troverai lidi che non sempre rientrano tra i più consigliati e non leggerai i nomi di alcuni tra i luoghi considerati imperdibili. Noi genitori sappiamo che non sempre il posto più bello è anche il più funzionale alle esigenze di bambini e famiglie.

Ti dirò quali secondo me meritano veramente di essere visitate e perché.

 

Miami Beach e Mullins Beach

 

Miami Beach (o Enterprise beach). Spiaggia a Barbados particolarmente adatta per i bambini per via della piscina naturale che si è creata tra gli scogli e amata dai surfisti perché la parte orientale della spiaggia offre le onde giuste per diverse attività. Miami Beach è circondata da una bellissima pineta di palme, dove troverete vari furgoni che vendono bevande e cibo. Tra questi vi consiglio Mr.Delicious che fa le migliori fish cake dell’isola (al cambio un dollaro barbadiano vale circa cinquanta centesimi di dollari americani) e il miglior Coconut Punch. Ombrelloni e lettini al lido si possono affittare a 5 dollari americani.

Mullins Beach è una delle spiagge a Barbados più organizzate per ospitare bambini. Potrai noleggiare lettino e ombrellone a trenta dollari americani. Sulla spiaggia ci sono un chiosco che vende bibite, creme, gelati e patatine e un grande bar/ristorante, il Mullins Beach bar. Birra e fish cake a volontà. Se però volete vivere esattamente come un barbadiano o semplicemente volete mangiare spendendo poco, a partire dalle 12 nella strada di fronte alla spiaggia arriverà una signora che vende cibo nel suo camioncino. È un’istituzione, la gente del posto compra da lei, i prezzi sono ovviamente molto bassi e le porzioni molto abbondanti. Fidatevi!

Un altro motivo per scegliere questa spiaggia è il parco giochi gonfiabile acquatico, a pagamento. Ci sono scivoli, pareti da arrampicata, saltarelli, tutto in acqua: uno spasso per bambini e famiglie intere! I più grandi si possono affittare moto d’acqua, windsurf ecc.

Questa spiaggia si trova nella zona vip di Barbados, quindi una giornata qui fa lievitare sensibilmente il budget. Tienilo a mente.

 

Dover Beach e Carlisle Bay

 

A Dover Beach le spiagge sono molto belle, ventose ma assolutamente vivibili. L’unico problema è che in questa zona è pieno di resort e la maggior parte di questi non accetta bambini, quindi sarà una giornata solitaria per i vostri figli.

A Carlisle Bay siamo stati veramente bene. Perché andarci? Per le tartarughe! Se mentre nuoti vedi un’ombra, non pensare ad uno squalo: è una tartaruga gigante. I lidi di Carlisle Bay sono attrezzati con ombrelloni e lettini ed è pieno di bar e chioschi. Qui un barbadiano ci ha cucinato pesce appena pescato… un pranzo fantastico!

Unico punto poco piacevole è rappresentato dalle barche dei pescatori ancorate a riva, dai numerosi turisti che arrivano dalle navi da crociera e dai tantissimi catamarani in cerca di tartarughe da ammirare.

Una particolarità delle spiagge a Barbados  è che basta consumare nel bar delle strutture alberghiere per avere libero accesso ai loro lidi e utilizzare piscina, doccia, bagno e lettino. Beh, un buon compromesso, no?

Buon relax alle Barbados allora!

 

 

Vacanze alle Barbados: viaggi nella perla delle isole caraibiche

Quando penso alle vacanze alle Barbados ho sempre un po’ di malinconia perché nessuna isola è come Barbados. Viaggi diversi, ma uniti da un sentimento: lì, nella perla delle isole caraibiche, credo di aver lasciato veramente il cuore.viaggi sogni e passione

La prima volta che ci ho messo piede è stato nel 2009. Tappa della Royal Caribbean. Viaggio di nozze. Non sono una grande fan delle crociere. Forse perché sei costretto a bordo per troppo tempo. Non ho ricordi nitidi di quella mezza giornata a Barbados e se devo essere sincera, se non fosse per la geolocalizzazione delle foto, non sarei in grado neanche di distinguere un’isola da un’altra.

Il viaggio ai Caraibi del 2017, invece, lo ricordo molto bene e credo abbia segnato inequivocabilmente la consapevolezza che un giorno noi ci trasferiremo lì. Come ho già scritto, Barbados è diversa dalle altre isole caraibiche. Probabilmente perché non è stata ancora invasa dal turismo o forse perché gli isolani sono ancora fortemente aggrappati alle loro origini.

 

Barbados: eccola, la perla dei Caraibi

 

Quattrocento chilometri quadrati di terra, toccata di rado dagli uragani per la sua posizione, Barbados è la perla delle isole caraibiche. Seppur piccola, però, è necessario conoscerla per evitare di rimanere delusi dalle tue vacanze alle Barbados.

Sì perché il lato esposto verso l’oceano ha spiagge selvagge e molto ventose che poco ricordano le cartoline paradisiache a cui pensiamo quando immaginiamo le spiagge dei Caraibi. Ovviamente questo lato dell’isola è frequentato da surfisti. Le strutture ricettive sono molto belle e hanno costi più bassi, quindi potresti essere tentato, ma se odi il vento e non hai intenzione di fare centinaia di metri per arrivare in spiaggia, questo lato non fa per te.

Poi c’è la parte nord-ovest dove trovi resort e ville di lusso. Qui sì che puoi vedere il paradiso. Attenzione però, perché molti hotel non accettano i bambini e anche sulle spiagge i tuoi figli ne troveranno veramente pochi per giocare.

Eccoci quindi al sud. La vera Barbados. Il cuore pulsante dell’isola dove magia, tradizione e sabbia bianca si uniscono per rendere la tua vacanza unica.

 

Oistins, vacanze alle Barbados più genuine

 

Per le nostre vacanze alle Barbados, abbiamo affittato una villetta a cento metri dalla spiaggia e abbiamo scelto Oistins, un villaggio di pescatori, famosa per il suo mercato del pesce, dove trovi qualsiasi tipo di pescato a prezzi mai visti (per darti un’idea, un’aragosta l’abbiamo pagata 7 dollari americani). Questa località rappresenta appieno l’animo caraibico dell’isola. Pochi turisti, tanti barbadiani che verso le 18 affollano le spiagge per fare il bagno.

Le spiagge sono bianche e l’acqua trasparente. Qui trovi una delle spiagge più famose: Miami Beach (o Enterprise beach). Particolarmente adatta per i bambini per via della piscina naturale tra gli scogli e amata dai surfisti perché la parte orientale della spiaggia offre le onde giuste per diverse attività. Questa spiaggia è circondata da una bellissima pineta di palme, dove troverete vari furgoni che vendono bevande e cibo. Tra questi vi consiglio Mr.Delicious che fa le più buone fish cake dell’isola (1 dollaro barbadiano vale circa 0,50 dollari americani) ed il miglior Coconut Punch. Sulla spiaggia puoi noleggiare ombrelloni e lettini a 5 dollari americani.

Il fine settimana l’area vicino il mercato si trasforma in una grande balera. Oistin’s Friday Night Fish Fry ospita mille locali e musica a tutto volume. I bambini giocano e ballano indisturbati e potrai mangiare pesce freschissimo a volontà. Non aspettarti però tovaglie di lino!

Per una colazione veramente indimenticabile ti consiglio il Surfer’s Cafè. Alcuni tavoli sono su una piccola terrazza che affaccia sul mare. Qualcosa di unico…

Se, come noi, hai deciso di affittare un appartamento dovrai fare la spesa. Il supermercato di Oistins è molto fornito ma evita di acquistare prodotti italiani, spenderai cifre esorbitanti. Inoltre, nel caso facessi amicizia con persone del posto, sappi che in tutti i negozi di Barbados c’è un prezzo per i barbadiani e uno per i turisti (triplicato), quindi anche se volessi affittare un’auto per girare l’isola, chiedi al proprietario della casa di farlo per te.

 

Curiosità che ho scoperto sull’isola

 

Ci sono altre due cose che ci tengo a dire su questa fantastica località.

La prima è che in qualsiasi punto della strada tu sia, basterà alzare un braccio per salire su un pulmino che, al costo di un dollaro barbadiano, ti porterà ovunque. La seconda è che le strutture alberghiere hanno l’accesso libero, quindi potrai entrare tranquillamente nella loro spiaggia, utilizzare piscina, docce, bagno e lettino a patto che consumi nel loro bar. A noi è sembrato un ottimo compromesso.

Non sarà difficile trovare isolani che escono dall’acqua con una cinta piena di pesce. Non dovrai far altro che chiedere e loro te lo cucineranno lì sulla spiaggia (ovviamente pagandoli).

Aspetta, non abbiamo ancora finito con la perla delle isole caraibiche: scopri le spiagge più belle di Barbados (link articolo).

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

illustrazione viaggi sogni e passione